Fino a 2 anni fa’, mi chiedevo:

“Ma io che spero di diventare un buon informatico, ce l’avrò prima o poi un albo a cui iscrivermi? ma io che studio su sicurezza informatica, sistemi server e roba varia e’ possibile che vengo sempre chiamato <IL TECNICO DEL PC>?”

e francamente la cosa mi infastidiva un pò.. poi ebbi l’occasione di fare un corso alla Cisco Networking Accademy di Perugia e conobbi un “Grande Vecchio” Raffaele Capasso, consulente informatico a livelli veramente interessanti, ex dipendente Crued, (ho visto di striscio il suo CV, un 16 o 17 pagine 🙂 ) ecc. ecc. nonche’ Presidente Provinciale (Perugia) dell’Associazione Informatici Professionisti (A.I.P).

Non ho intenzione di sviolinare cosa fa’ A.I.P, vi dico solamente che e’ l’unico e vero baluardo per permettere a noi giovani professionisti in crescita di affermare il nostro IO, creando situazioni di scambio informativo, corsi, progetti interni, instaurdando poi delle collaborazioni con delle prestigiosissime università italiane che ci possono permettere di seguire corsi di laurea long distance per arrivare a lauree di tipo tecnico e management.

Quindi 1 mese fà ho deciso finalmente di iscrivermi (i miei tempi sono sempre lunghissimi, devo ancora capire perchè 😛 ), ci sono volute circa 2 settimane per “l’accettazione” infatti AIP si riserva di scrutinare il Curriculum Vitae, non per negare l’accesso ma per profilare i nuovi membri in maniera di poterli rendere partecipi alle attività in maniera mirata.

Come potete leggere sul sito, la quota di iscrizione annuale e’ di 120 Euro, tale quota permette di avere determinati benefit e di seguire corsi di certificazioni creati ad HOC con sconti direi CLAMOROSI!

Bene, che dire? Ora rimango in attesa dei Gadget: spilla, timbro, ecc. ecc.

AIP

Per qualsiasi informazione scrivetemi o andate sul sito (presente anche nel BlogRoll del mio sito) AIP